Empatia batte bullismo 1-0

BullyDurante il mio ultimo incontro con i ragazzi di una scuola media parlavo di bullismo e dei comportamenti da tenere per contrastare episodi in cui si trovassero coinvolti.
Si parlava di reazioni, ma come sempre la prevenzione è la miglior cura: in questo caso, passa dall’empatia, cioè dal mettersi nelle scarpe dell’altro e sentire quello che sente, per evitare la tentazione di fargli ciò che non vorremmo ci fosse fatto.
Ecco, in Danimarca hanno introdotto un’ora di lezione di empatia proprio come prevenzione al bullismo, oltre naturalmente che come educazione civica/civile.

L’educazione parte dall’esempio, ma certo la continuità educativa a scuola farebbe molto più dei pochi interventi mordi e fuggi (come i miei) rivolti ai ragazzi.